Juventus nella web dei tifosi della Juventus.

Il valzer delle punte

Pubblica notizia
ROBY77 Da ROBY77

il 18-11-2012 alle 19:41

2 VOTI

Il valzer delle punte

giovinco
giovinco
  
 

Dopo partite come quella di ieri sera, tutti siamo tornati a chiederci se davvero questa Juve possa sopperire, con un organico di campioni, all'assenza di una punta capace di salvare le parite bloccate. Davanti ad una difesa praticamente insuperabile e ad un centrocampo di classe e sostanza, la Juventus si trova ad avere un reparto offensivo capace di costruire ventuno tiri in porta senza segnare una rete. Non scopriamo oggi che, dalla partenza di Trezeguet in poi, i bianconeri non hanno più avuto un bomber inamovibile; sembrava potesse esserlo Matri: arrivato da Cagliari nel gennaio 2010, l'attaccante lodigiano ha segnato nove reti nella seconda metà di campionato e altre dieci l'anno successivo, seppur con un girone di ritorno piuttosto deludente. Non é andata meglio in questo inizio di stagione: dopo le tante voci di mercato in estate, Matri non é ancora riuscito ad incidere, offrendo prestazioni spesso sotto la sufficienza. Discorso simile il neo-arrivato Bendtner: dopo l'affaire Berbatov, il danese é sembrato a molti un ripiego da ultime ore di mercato. Esordio con il Chievo, titolare contro il Catania, minuti contro Inter, Lazio e Bologna, zero gol. Il meglio di stagione (finora) l'ha fatto vedere Fabio Quagliarella con i suoi sei gol in nove presenze di campionato. Dopo la tripletta a Pescara, Fabio ieri non ha trovato il gol anche per colpa di un miracoloso intervento di Marchetti. É comunque lui, l'uomo dei gol impossibili, a dare l'impressione di poter in qualsiasi momento trovare la giocata vincente. Vucinic, poi, sembra essere diventato un caso. Il grande talento e le giocate del montenegrino si sono visti fino alla pausa delle nazionali di ottobre, cioè fin quando un'intossicazione lo ha costretto alla lontananza dal campo. Costretto ad uscire nell'intervallo contro l'Inter per un fallo di Samuel, con la Lazio non si é visto perché influenzato. Due soli gol in campionato e una rete importante in Danimarca nel match di Champions. Il discorso Giovinco richiede un'attenzione particolare. Ri-acquistato dopo averne ceduto metà cartellino al Parma, qualcuno gli ha affidato la pesante eredità di Del Piero caricandolo forse di troppe responsabilità. Le quattro reti (cinque includendo la Champions) non sono bastate per convincere la piazza delle sue capacità: ogni errore é un mugugno, ogni palla persa un brontolio, ogni sostituzione un'occasione per fischiare. Sebastian alterna giocate da campione a dribbling inutili e anche senza l'appoggio della maggior parte del tifo, Conte punta forte su di lui. Nei due giorni che precedono il delicato match contro il Chelsea, l'allenatore bianconero dovrà inventarsi la coppia offensiva migliore, per non trovarsi ancora una volta a ripetere che il top player (il giocatore da venti gol a stagione, per intenderci) a questa Juve non serve

Fonte: tuttojuve

Nuovi commenti

Vuoi partecipare a questa sezione?

- Se sei già membro, entra / loggati.

Ti sei dimenticato la Password?

Se ancora non ti sei registrato nel tifobianconero.it:

Ultimo commento: CJuve1897» Non mi interessa quanto questi schifosi siano... Ultimi commenti Massimizzare
 
  • Tévez  Tévez 5'

Unisciti a noi e vivi la partita in diretta

CJuve1897 » Non mi interessa quanto questi schifosi siano...

fraterthoma81 » Ragazzi, mi raccomando! Contro i prescritti merdazzuri un...

mikeleotto » QUESTA PARTITA PER NOI JUVENTINI RAPPRESENTA IL VERO DERBY...

Vedere tutti i commenti