Juventus × nella web dei tifosi della Juventus.
Juventus
La rete sociale dei tifosi della
Juventus

maglia juventus

Prima di creare un nuovo articolo, accedi al motore di ricerca e controlla che non ci sia già l'articolo che vuoi creare. Se non esiste crealo e se esiste già puoi editarlo per aggiungere l'informazione che non abbiamo. Grazie!

Denuncia

Per favore indica il motivo per il quale vuoi denunciare l'articolo.

Per favore, copia/incolla il paragrafo che stai denunciando per localizzare il testo nell'articolo. Grazie.

maglia juventus

Invia ad un amico

Le maglie di percalle rosa (con cravattino o papillon nero) scelte dai fondatori sei anni prima erano ormai ridotte a brandelli e dell’antico colore non rimaneva, è proprio il caso di dirlo, che uno sbiadito ricordo.

Era il 1903 e l’inglese John Savage, uno dei soci oltre che industriale tessile, ebbe allora l’incarico dai dirigenti della Juventus di provvedere alla nuova divisa da gioco. Savage si rivolse senza indugi oltre manica mettendosi in contatto con un fornitore di stanza a Nottingham. Nel giro di poche settimane dall’Inghilterra ecco giungere un pacco contenente 15 nuove maglie: bianconere a strisce verticali e colletto bianco. “Sono funeree!”: questa una delle prime espressioni usate dai soci juventini che non celarono il loro stupore. D’altronde a Mr Savage nessuno indicò il disegno, né i colori della nuova maglia. Ed il corrispondente da Nottingham allertato dall’amico di provvedere quanto prima e a prezzi convenienti, aveva avuto la giusta pensata di spedire a Torino una divisa che giaceva in magazzino, quella a strisce bianche e nere del Notts County. Così, in maniera a dir poco casuale, nasceva giusto un secolo fa la leggenda bianconera.
Perché, aldilà dei mugugni, nei dirigenti juventini prevalse poi il buon senso e la consapevolezza di possedere un completo da gioco molto “inglese”. E per lo più fortunato: infatti con le nuove maglie, che contano otto righe sul davanti, la Juventus per la prima volta raggiunge la finale scudetto e due anni dopo, 1905, vince il suo primo campionato. In quei primi tempi la divisa da gioco è completata da pantaloncini e calzettoni neri e talvolta dalla presenza di laccetti all’altezza del colletto.

1930: nasce la Juve del quinquennio. La maglia subisce un piccolo ritocco: uno scollo a “v” bianco sostituisce il colletto. Calzettoni ancora neri con due righine bianche sotto il ginocchio e pantaloncini bianchi. Ovviamente sul cuore, per ben cinque anni, campeggerà il simbolo dello scudetto dell’epoca, stemma sabaudo e fascio littorio. All’inizio degli anni quaranta l’unica novità che si registra è l’adozione di un girocollo bianco: è la maglia con cui esordisce in A Giampiero Boniperti. Ma c’è anche un fatto nuovo: l’introduzione della numerazione obbligatoria. I primi numeri sono bianchi su fondo nero e trovano posto in una rigatura più ampia che viene adottata solo sul retro della maglia.

1950-51. La Juventus, tornata l’anno prima a vincere il campionato dopo la tragedia del Grande Torino, per la prima volta nella sua storia sfoggia lo scudetto tricolore. Nel corso degli anni cinquanta l’unica variante che talvolta compare è rappresentata dai calzettoni bianchi che vengono adottati definitivamente nel 1957 giusto con l’arrivo a Torino di Sivori e Charles. Ma c’è di più: cambiano anche le magliette. A dire il vero le nuove divise della Juve sono in realtà casacche di tessuto non elastico, piuttosto ampie, al punto che durante la corsa l’aria penetra sotto la maglia creando un curioso effetto “a gobba”. Il colletto è bianconero ed i numeri sono rossi. Con la “camiciola” la Juve conquista la stella dei dieci scudetti e per oltre dieci anni non subirà cambiamenti. Unica variante: i numeri che pur rimanendo rossi vengono, però, cuciti su un quadratone bianco applicato sul retro della maglia.

Sul finire degli anni sessanta qualcuno inizia a guardare al futuro e già nel corso del campionato 69-70 la maglia subisce alcune modifiche tornando al tessuto elastico. Ma sarà solo dal campionato 70-71, dopo un esperimento estivo con magliette con girocollo bianco fornite dalla Umbro, che sarà adottata la maglia con undici strettissime righe e con un taglio decisamente più moderno. I numeri sono bianchi e sono inseriti in un riquadro nero sulla schiena; i pantaloncini corti e aderenti sono bianchi. Dello stesso colore i calzettoni su cui spiccano due righe nere. E’ la giovine Juventus di Armando Picchi, con Bettega, Causio, Capello e Spinosi. E’ la squadra che nel corso degli anni settanta con Boniperti sulla tolda di comando, vince cinque campionati.

Ed è proprio lo scudetto tricolore l’unica novità che contraddistingue la divisa bianconera, che rimarrà invariata fino ai primi mesi del 1979 quando, per la prima volta, compare il logo della Robe di Kappa.
Già da qualche tempo l’azienda torinese fornisce le divise bianconere e verso la fine del campionato 78-79 la Lega autorizza le squadre a mostrare il marchietto dello sponsor tecnico che viene collocato sulla parte destra della divisa, sui pantaloncini e sui calzettoni. E’ il primo passo verso la modernità che di lì a due anni porterà all’introduzione delle sponsorizzazioni vere e proprie. Nel frattempo la Juve per alcuni mesi del campionato 79-80 ha introdotto una piccola variante, più un vezzo che altro: i pantaloncini, bianchi, presentano un bordino nero. Innovazione poco gradita, al punto che già dall’anno successivo, quello del ritorno degli stranieri, i calzoncini perdono quell’orpello.
Nell’estate del 1981 l’Ariston diventa lo sponsor ufficiale della Juventus. La maglia si arricchisce, in tutti i sensi, di un elemento in più che va calato alla perfezione nello schema che fin dall’inizio ha contraddistinto la divisa juventina: l’omogenea distribuzione dei due colori. Soluzione scontata: scritta bianca su fondo nero. Semmai il dato curioso è che, in un primo tempo, lo scudetto viene collocato alla sinistra della stella e non sotto come tradizione. Ma già alla prima di campionato tutto torna alla normalità. Il campionato 81-82 termina con la conquista del 20° scudetto: la nuova maglia, la prima di Platini e Boniek, vedrà le due stelle, leggermente più piccole rispetto al passato, racchiuse in una “scatolina” che fa tutt’uno con il tricolore.

Fino alla fine degli anni ottanta non si registrano novità di rilievo ad eccezione di quello che accade il 1 novembre 1987: in occasione del novantesimo anniversario la Juventus gioca la partita contro l’Avellino ritornando alla vecchia maglia rosa con collettone bianco. I pantaloncini sono neri così come i calzettoni. Completamente bianche le maglie per i portieri.
L’avvento degli anni novanta lascia tracce vistose anche sull’abbigliamento sportivo. Le maglie non sono più di cotone, ma di materiale sintetico: più lucide ed aggressive, ma che non si discostano molto dalla tradizione. Nel frattempo, 89-90, è cambiato anche lo sponsor che è la Upim. Le pochissime novità dei primi anni novanta sono date dal logo della Kappa che viene colorato di verde e dallo sponsor Danone che dal 1992 si abbina alla Juventus. Con l’avvento della triade, Giraudo-Moggi-Bettega, profonde novità in tutti i campi, anche in quello del look.
La Kappa presenta una divisa ancora più al passo con i tempi, in cui le righe bianconere sono leggermente più larghe e dove, mai successo prima d’ora, appare il logo della Juve. Per il momento viene posizionato poco sopra una “V” nera che campeggia all’altezza del collo. Anche le stelle dei venti scudetti cambiano versione: più grandi e liberate dalla scatolina. E’ la Juve di Lippi che al primo colpo vince scudetto e Coppa Italia i cui simboli compaiono uno a sinistra uno a destra nella maglia edizione 95-96 sul nuovo sponsor che è la Sony.
L’anno dopo l’unica nota di colore è la scelta del nero per pantaloncini e calzettoni, ma il vero break con la tradizione si ha con la divisa 97-98, sempre con il marchio Kappa. Righe larghissime (solo 5 sul davanti, mentre nel passato non si era mai scesi al di sotto delle sette), stelle e stemma societario dirottati sulla manica sinistra, motivi tondeggianti sul retro e sulle maniche e prevalenza del nero (anche per pantaloncini e calzettoni).

L’unico aggancio al passato la maglia rosa utilizzata il 23 luglio 97 per celebrare i 100 anni dalla fondazione. 1998-99, si torna al passato: colletto bianco, righe tradizionali e numeri rossi.
Le leggi del merchandising adesso impongono nuove maglie per ogni stagioni e, se possibile, due o più sponsor. La maglia 99-2000 ha un’unica variante: la banda nera con il logo della Kappa che scorre lungo le maniche. Tornano i numeri bianchi su campo nero. Il 2000 segna l’addio alla Kappa e l’avvento della Lotto. In campionato appare come sponsor tecnico il marchio Ciaoweb che trova spazio anche sulle spalle. La maglia mantiene la rigatura tradizionale e porta sul cuore il logo della Juventus. L’anno seguente, le righe diventano sensibilmente più sottili, ritorna il bianco per pantaloncini e calzettoni, mentre il marchio della Lotto sostituisce quello di Ciaoweb. La penultima novità, quella della stagione 2002-03, ricorda molto da vicino la tanto criticata innovazione di 5 anni prima. Le strisce bianconere sono racchiuse in un ellisse nero che diventa il colore predominante essendo neri anche calzoncini e calze. Lo scudetto, per la prima volta nella storia bianconera, viene posizionato sulla sinistra, lasciando il lato opposto alle stelle e allo stemma sociale. E adesso, Nike.

   

Box 1 – Seconde e terze maglie

La prima maglia di riserva è stata bianca. Per tutti gli anni cinquanta e sessanta e, in due riprese anche nelle ultime stagioni, la Juve ha indossato una candida maglietta come divisa di scorta. A metà anni cinquanta, comunque, la Juventus utilizzò talvolta come seconda maglia una completamente blu con banda orizzontale bianconera. Rimasta memorabile la tenuta nera delle sfide dei primi anni sessanta con il Real Madrid, poi recuperata anche in epoche più recenti, le due divise di riserva più gettonate sono state quella blu e quella gialla. La prima fu introdotta nel 70-71 ed il bianconero appariva tanto nel girocollo, quanto nei bordi. In maglia blu, stavolta con colletto aperto, la Juve vinse la sua prima Coppa Uefa, nel 1977. Sempre in blu, con tanto di stellone gialle sulle spalle, i bianconeri si sono aggiudicati la Coppa dei Campioni nel '96.

La maglia gialla con bordi blu (i colori dello stemma di Torino) fu utilizzata per la prima volta nel 1983 ed è stata mantenuta per dieci stagioni. In giallo la Juventus vinse la Coppa delle Coppe nel 1984 a Basilea. Curioso il caso della divisa indossata in semifinale di Coppa dei Campioni contro il Widzew Lodz nel 1983: completo celeste con bordi bianconeri. Dopo quell’occasione la Juve non l’ha più usata.

Box 2 – I portieri

“La classe del portiere comincia dalla divisa”. Sono parole del compianto Vladimiro Caminiti che amava in particolar modo Combi che indossava spesso maglioni bianchi con richiami neri all’altezza del colletto.


I suoi successori, Sentimenti IV e Viola preferivano la divisa completamente nera. Ritorno al bianco con Mattrel e Vavassori. Due i modelli: uno a paricollo, l’altro con un’ampia doppia V nera sul davanti. Ancora nero con Anzolin, Carmignani e soprattutto Zoff. La maglia era semplice e affascinante: nera con girocollo bianco. Neri anche pantaloncini e calzettoni. Rarissime le eccezioni: si ricorda uno Zoff in calzoncini bianchi nel novembre '73 (finale con l’Independiente a Roma) e cinque anni dopo in Coppa dei Campioni contro il Borussia. Dal '75, messo al bando il nero, Zoff ripiegò sul grigio e sul verde.

Con l’avvento di Tacconi la maglia da portiere si colora con sporadici ritorni anche al nero.

Curiosa la divisa di Peruzzi nella finale di Champions 1996: giallo canarino con due stellone blu sulle spalle.

Pagina creata da tifobianconero

È probabile che questo articolo contenga materiale della Wikipedia questo materiale viene utilizzato in senso ai termini di licenza libera di documentazione GNU